cover2012L’acido ialuronico è un “polisaccaride”  (un carboidrato complesso)  presente nei tessuti connettivi, in particolare nelle articolazioni (liquido sinoviale), nell’occhio e nel cordone ombelicale.
La sua caratteristica è di legarsi con le molecole di acqua diventando un potente lubrificante a livello articolare o dando turgore e idratazione ai tessuti extracellulari, in virtù della sua fluidità riempie gli spazi tra le fibre del collagene  e ne deriva un effetto complessivo di pienezza e plasticità.
Questa sostanza si riduce in modo considerevole con il passare degli anni: già intorno ai 30 anni ne viene persa dal 30 al 40% di quella originaria, a 60 anni ne resta circa il 20% quindi – date le molteplici funzioni per le quali è essenziale - la ricerca medica ed estetica studia come poter utilizzare l’acido ialuronico a livello curativo e preventivo.Pratiche consolidate sono le iniezioni per contrastare l’invecchiamento della pelle e ridurre le rughe; i colliri per coadiuvare la cura della secchezza dell’occhio; le  infiltrazioni per le sintomatologie dolorose a livello articolare, in particolare per l’artrosi . 
Ulteriori studi si rivolgono all’uso di questa sostanza a livello epidermico e come integratore, non tutti concordano sull’assorbimento di questa sostanza per via orale, che sembra possa essere alterate dai processi digestivi, tuttavia prove pratiche hanno verificato miglioramenti nelle somministrazioni di acido ialuronico in abbinamento ad altri principi complementari e a principi precursori della sua sintesi.
Le principali molecole che si legano alla funzione dell’acido ialuronico sono il collagene, la glucosamina e la condroitina solfato.

Leggi tutto...

corsoPose3Siamo nel 2019 e nonostante le Donne pare abbiano conquistato il mondo, nella realtà delle piccole cose non è cosi: è difficile poter dire apertamente un pensiero;  è difficile  avere del tempo libero per fare quello che piace; è difficile non essere sminuite nei contesti di lavoro e nello sport. Incredibilmente più si parla di cultura della integrazione, di Pari Opportunità più nella cronaca aumentano gli episodi di violenza, di morti, di soprusi fisici e mentali. 

Antonella Lizza -  campionessa del mondo di bodybuilding 2018 – che sta curando il progetto “Non Voglio Violenza”   dice “è importante che parliamo di  violenza ora che siamo vicino all’8 marzo, ma è importante che  l’attenzione ai problemi delle Donne non si concentri solo nelle date 8 marzo e 25 novembre” .

Leggi tutto...

corriere4Mentre è vero che la depressione può portare a una postura scorretta, è anche vero il contrario. 
A. Lowen ha ipotizzato ben 5 posture del corpo che manifestano la situazione interiore di una persona o il suo carattere: "ripiegata", "divisa in due", "gonfiata", "sottomessa" , "irrigidita". La postura "ripiegata" (spalle curve, testa china in avanti, petto incassato e piedi poco stabili a terra) è quella che viene associata allo stato depressivo.  Diversi studi rivelano che è verò anche il contrario: ovvero una persona che sta sempre con le spalle curve e il corpo ripiegato un pò alla volta incomincia a diventare più triste, più ansiosa e più depressa.

Il rapporto tra il nostro corpo e la nostra mente decorre in entrambe le direzioni. Da un lato la nostra mente influenza il nostro corpo e dall’altro, il nostro corpo reagisce innescando nuovi feedback nella nostra mente. 

Uno studio del 2009, pubblicato sul European Journal of Social Psychology, un team di scienziati cognitivisti ha confermato come la postura che assumiamo condiziona ciò che pensiamo di noi e quanta fiducia abbiamo nelle nostre capacità. Inoltre , il modo in cui sviluppiamo e organizziamo i nostri muscoli incide fortemente sul nostro umore fino a innescare pensieri positivi o negativi.

Leggi tutto...

EMOTIONAL FITNESS

COVER small

ALTA FORMAZIONE FITNESS

Logo AltaFormazione Fitness

SEARCH

SOCIAL LINK

PROZIS ACQUISTI ON LINE

banner prozis sito

CALENDARIO 2020


COVER

FASHION GYM

NON VOGLIO VIOLENZA

testata2